L’acqua sulla luna

Sono più di dieci anni che se parla
Pare che ci possano essere ottime probabilita
di trovare acqua ghiacciata sotto la crosta superficiale dei poli della luna.

Quindi se hai caldo sulla luna puoi trovare di che rinfrescarti. E noi che siamo andati fino su marte a cercare l’acqua, che spreconi
con la crisi energetica che c’e’ potevamo risparmiare un mucchio di soldi.

Alcuni studiosi di affermate universita’ come la Carnegie Institution of Washington e la Case Western Reserve University e anche della
Brown University con l’uso di tecniche innovative hanno per la prima volta trovato tracce di acqua in un gruppo di campioni di rocce
lunari giunte a noi da due missioni Apollo. Infatti sembra che l’acqua non si sarebbe completamente vaporizzata durante i violenti eventi che portarono alla formazione della nostra luna.

Lo studio dice che l’acqua dei campioni arrivi dall’interno della Luna e che sia stata portata in superficie dalle eruzioni vulcaniche

che hanno devastato la Luna circa tre miliardi di anni fa.

In passato gli strumenti per fare queste analisi erano molto ma molto meno precisi di oggi. Con le nuove tecnologie adesso siamo in grado

di analizzare i pezzi di luna con un rilevatore di acqua che riesce a misurare fino a 5 parti per milione.

Sono stati rilevati, in questi materiali vetrosi, fino a 46 parti per milione di acqua.luna

C’è una bella differenza rispetto alle stime precedenti che presumevano la luna completamente disidratata. La scoperta fa pensare
alla possibilità che l’interno del satellite possa contenere altrettanta acqua quanto lo strato superiore della crosta terrestre.

Siccome la gravità sulla luna  è molto debole per trattenere un’atmosfera, sia ipotizza che l’acqua sia fuggita sotto forma di
vapore acqueo e sia stato disperso nello spazio, ma potrebbe anche essere stato attirato verso i poli e nelle zone dei crateri
che restando perennemente in ombra ora potrebbe essere ghiaccio.

La possibilità di presenza di acqua ai poli lunari era già stata ipotizzata in passato ma ora sembra confermarsi sempre piu’,
anche se eventuali tracce di ghiaccio potrebbero nascondersi solo in ‘nicchie’ presenti in crateri molto profondi, perche’ il suolo lunare quando viene colpito dalla LUCE solare raggiunge temperature che scioglierebbero anche un ghiacciaio eterno.

Un altra ipotesi è che i campioni di roccie lunari giunti fino a noi possano in qualche modo essere stati contaminati dalla nostra atmosfera terreste umidiccia e le rocce cosi secche possano aver assorbito un po di quell’acqua che poi gli strumenti oggi hanno rilevato hehehehe quindi tutto da rifare tocca di nuovo salir lassopra per verificare meglio.

Â

fonti: Case Western Reserve UniversityCarnegie Institution of Washington

2008-07-11
23:09:44

Precedente I buchi neri e la peperonata Successivo Via del sale 4x4